IL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE - CTA FAUNI
16018
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-16018,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-17.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive

IL DIPARTIMENTO DI SALUTE MENTALE

Il Dipartimento di Salute Mentale (DSM) è l’insieme delle strutture e dei Servizi che hanno il compito di farsi carico della domanda legata alla cura, all’assistenza e alla tutela della Salute Mentale nell’ambito del territorio definito dall’Azienda Sanitaria Provinciale (ASP).
Al Dipartimento afferiscono inoltre n. 9 U.O.C. (Moduli Dipartimentali) che comprendono le componenti organizzative relative al corrispondente ambito territoriale. I moduli al loro interno prevedono 4 tipologie di Unità Operative Semplici, e precisamente:

 

Il DSM è dotato dei seguenti servizi:

    • Servizi per l’assistenza diurna : i Centri di salute mentale (CSM);
    • Servizi semiresidenziali: i Centri Diurni;
    • Servizi Ospedalieri: I Servizi psichiatrici di Diagnosi e Cura (SPCD) e di Day Hospital (DH);
    • Strutture residenziali riabilitative: Comunità Terapeutiche Assistite (CTA).

 

Il Dipartimento inoltre  comprende:

      1. Dipendenze patologiche (UOC)
      2. Neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza territoriale (UOC)

 

Le attività del Dipartimento, previste dall’ASP 6 di Palermo,  sono volte al raggiungimento in particolare dei seguenti obiettivi strategici:

    • promozione della salute mentale a partire dall’età maggiore di 18 anni;
    • prevenzione dei disturbi mentali, sia attraverso l’individuazione precoce di situazioni di rischio o disagio sia attraverso la cura globale, multidisciplinare e integrata dei soggetti;
    • costruzione attiva di progetti riabilitativi per le persone ad alto rischio di esclusione garantendo per tutti la salvaguardia o la restituzione dei diritti fondamentali di cittadinanza e la prima integrazione nella famiglia e nella società;
    • cura non solo dello specifico problema emergente ma della condizione complessiva di vita delle persone con particolare riguardo ai diritti primari relativi all’abitare e al lavorare.

Il Dipartimento riconosce quindi come compito fondamentale quello di costruire le proprie azioni attraverso un lavoro di coinvolgimento sia della persona sofferente sia del suo nucleo parentale e del suo contesto di appartenenza.
Il Dipartimento sostiene una corretta informazione nei confronti della cittadinanza allo scopo di superare i pregiudizi nei confronti dei disturbi mentali gravi e di favorire atteggiamenti di solidarietà; in tale prospettiva ricerca forme di collaborazione con istituzioni pubbliche ed aggregazioni sociali, primariamente rappresentate dalle associazioni di familiari di persone sofferenti di disturbi mentali.

 

Le principali attività del Dipartimento sono relative a:

    • miglioramento continuo della Qualità;
    • gestione dei flussi informativi dipartimentali;
    • coordinamento delle attività riabilitative per i moduli dipartimentali;
    • controllo delle prestazioni erogate dalle cliniche convenzionate e/o accreditate per la branca di psichiatria in accordo con il Servizio ospedalità privata;
    • attività di coordinamento delle attività pedagogiche per Salute Mentale;
    • supporto sociale all’inserimento lavorativo (nell’ambito delle attività relative allo sviluppo del sottoprogetto 2 “interventi di rete e supporto alle famiglie per la prevenzione delle conseguenze invalidanti delle patologie psichiatriche gravi “D.A. 32106 del 14/6/2000);
    • psichiatria di collegamento relativa ad attività cliniche di tipo psichiatrico, psicoterapeutico e preventivo innovativo individuate nel P.S.R.;
    • continuità terapeutica con compiti di interventi di emergenza/urgenza notturni e festivi;
    • controllo piani riabilitativi, rapporti con le associazioni dei familiari;
    • attività clinico-riabilitativa di tipo semiresidenziale;
    • attività clinico-riabilitativa di tipo residenziale;
    • attività assistenziale ambulatoriale;
    • attività assistenziale domiciliare;
    • case management;
    • assistenza di tipo ospedaliero con degenza ordinaria;
    • assistenza di tipo ospedaliero in regime di trattamento sanitario obbligatorio (TSO);
    • assistenza di tipo semiresidenziale “day-hospital”.