non puoi copiare i contenuti.
La CTA Fauni e l’Infiorata di Castelbuono - CTA FAUNI
15330
post-template-default,single,single-post,postid-15330,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-17.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive

La CTA Fauni e l’Infiorata di Castelbuono

La nostra  Comunità Terapeutica Assistita Fauni ha partecipato, nel Giugno 2018, alla XI edizione dell’Infiorata Castelbuonese, promossa dall’Associazione Culturale Promomadonie di Castelbuono e dedicata a “Palermo Capitale Italiana della Cultura”.

Tre giorni all’insegna della bellezza, dell’arte, della creatività e dell’aggregazione, momenti in cui i nostri utenti, insieme a tutti gli altri partecipanti hanno collaborato  per costruire il grande ed elegante tappeto variopinto che snodandosi lungo la via Sant’Anna  porta allo storico Castello dei Ventimiglia.

Per la nostra Comunità Terapeutica la partecipazione a questo evento rappresenta un progetto importante di condivisione con il territorio, in cui i nostri utenti con il supporto degli operatori, hanno realizzato un bozzetto, con una varietà di fiori variopinti e materiale naturale; si tratta di una modalità di  integrazione che permette ai nostri utenti di sviluppare delle capacità relazionali e creative, sia individuali che gruppali, legate al percorso di  riabilitazione psichiatrica.

Il bozzetto, dal titolo “Ciclo dell’Aurora”, tratto dall’affresco  posto all’interno del Salone degli Specchi della Sala Basile di Villa Igiea di Palermo, rappresenta, attraverso le quattro fasi del giorno, la raccolta di fiori destinati alla preparazione di unguenti medici per la cura  di specifiche malattie.

“Il Salone degli specchi, proprio per il suo evocare subliminalmente una “scienza ermetica” (senza tuttavia alcuna allusione ai processi alchemici come ascendenti della moderna medicina) rappresenta un luogo di meditazione e di predisposizione al superamento del male. La sequenza delle quattro fasi del giorno nel passaggio dalla notte all’alba (dalla nigredo all’albedo) e viceversa, in quel procedere attraverso il mattino e il meriggio (la citrinitas e la rubedo) allude al percorso equivalente del passaggio dallo stato della afflictio animae (la malattia) a quello della rinascita (la salute) attraverso le prove dell’iniziazione (le cure terapiche)”. Ettore Sessa

Tags: