"Natale all'Ombra" - Dicembre 2018 in CTA FAUNI - CTA FAUNI
15300
post-template-default,single,single-post,postid-15300,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-17.1,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive

“Natale all’Ombra” – Dicembre 2018 in CTA FAUNI

C’era una volta nella regione della Giudea un piccolo borgo chiamato Betlemme…

Inizia così la rappresentazione natalizia di ombre cinesi dal titolo “Natale all’Ombra” che la Cta Fauni ha realizzato con i suoi utenti. Il messaggio che si è voluto dare alla collettività in questo Natale 2018 è stato quello del recupero degli antichi valori e delle tradizioni familiari.

La rappresentazione “Natale all’Ombra” si avvale dell’uso delle ombre cinesi, forma d’arte molto antica che veniva svolta in teatrini ambulanti che si spostavano da un paese all’altro, durante le ricorrenze religiose, o altre feste. Ciò che appare è solo l’Ombra delle figure, esse non si vedono direttamente, ma una luce posta direttamente sullo schermo proietta le ombre delle figure e le rende animate.

Il teatrino itinerante della CTA Fauni, come il teatrino delle ombre cinesi, vuole quindi divulgare il senso del Natale così come la comunità lo vive, in cui passato e presente sono contrapposti in un’unica immagine. Mondo antico e mondo moderno faccia a faccia, in quello che vuole essere un momento di riflessione per tutti.

“Natale all’Ombra” racconta così, attraverso tre atti una storia di bambini appartenenti ad epoche diverse, così “Salvatore e Kevin si ritrovano l’uno accanto all’altro…il nostro Kevin così stupito da questo scenario privo di colori così tanto lontano dai suoi videogiochi estremamente colorati e dinamici, si avvicina…sbircia un po’…e osserva…non può non notare la presenza di nonni che prendono in braccio i nipoti e giocano con loro in un’armonia che per lui è quasi inconcepibile…nonni che di rado aveva visto e con cui ancor più di rado si era intrattenuto in piacevoli momenti. Forse…l’idea di un passato apparentemente fatto di povertà e di privazioni economiche in realtà cela una ricchezza di unione e di calore. Calore umano…quel calore che di certo una playstation o uno smartphone non possono dargli…Allo stesso tempo Salvatore, curioso nell’osservare tutti questi beni materiali non riesce a comprendere come ognuno possa passare tanto tempo stando da solo senza comunicare con gli altri…”.

Il messaggio di Natale che la CTA Fauni ha voluto diffondere è stato quello dei buoni propositi per una nuova umanità, nella speranza che i valori della nostra tradizione non vengano cancellati dal progresso tecnologico e dalle abitudini della modernità.